Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Sezioni
Sfondo delle briciole di pane

Arte e cultura

Le mura

Le antiche mura di Ferrara circondano il centro storico per nove chilometri pressoché ininterrotti, costituendo uno dei sistemi difensivi più imponenti del Medioevo e del Rinascimento.

MEIS Museo Nazionale dell'Ebraismo Italiano e della Shoah

Al Museo Nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah è aperta al pubblico la mostra permanente “Ebrei, una storia italiana”, con una tariffa speciale e in omaggio a tutti i visitatori che acquisteranno il biglietto un volume. Attraverso opere d’arte, oggetti, video multimediali e riproduzioni, il percorso conduce alla scoperta della storia degli ebrei in Italia dall’epoca dell’antica Roma al Rinascimento.

Monastero del Corpus Domini

CHIUSO FINO A NUOVA COMUNICAZIONE. Qui si conservano, assieme alle memorie di Santa Caterina Vegri, le tombe di alcuni Estensi.

Monastero di Sant'Antonio in Polesine

TEMPORANEAMENTE CHIUSO PER LAVORI FINO A NUOVA COMUNICAZIONE . Fondato nel XIII secolo dalla Beata Beatrice d'Este, presenta cappelle con affreschi che vanno dalla scuola giottesca e bizantina e quella rinascimentale.

Museo Anatomico “Giovanni Tumiati”

ll Museo Anatomico “Giovanni Tumiati” dell’Università degli Studi di Ferrara è ospitato presso i locali della Sezione di Anatomia Umana del Dipartimento di Morfologia, Chirurgia e Medicina Sperimentale.

Museo Archeologico Nazionale

Il Museo Archeologico riapre al pubblico martedì 14 luglio 2020.

Museo Civico Lapidario

Il museo, che ha sede nella ex Chiesa di Santa Libera, contiene un'interessante collezione di marmi romani provenienti dal territorio ferrarese.

Museo d'Arte Moderna e Contemporanea "Filippo De Pisis"

TEMPORANEAMENTE CHIUSO PER LAVORI DI RESTAURO. Intitolato al celebre pittore ferrarese Filippo de Pisis, il Museo rappresenta la raccolta pubblica più ampia e importante dei suoi lavori con oltre 200 tra dipinti e opere su carta di straordinaria qualità, grazie anche alla donazione alla città della collezione di Manlio e Franca Malabotta.

Museo del Castello Estense di Ferrara

A seguito del nuovo decreto del Governo DPCM del 1° aprile 2020, il Castello Estense rimarrà chiuso al pubblico fino a data da destinarsi

Museo del Risorgimento e della Resistenza

Il Museo del Risorgimento e della Resistenza rimarrà chiuso al pubblico fino a data da destinarsi per trasferimento sede

Museo dell'Ottocento

TEMPORANEAMENTE CHIUSO PER LAVORI DI RESTAURO. Dedicato all'evoluzione delle arti a Ferrara nel corso del diciannovesimo secolo attraverso una selezione di dipinti e sculture dei suoi più significativi interpreti.

Museo della Cattedrale

Il Museo della Cattedrale è aperto al pubblico. L'ingresso è contingentato ed è consentito ad un massimo di 10 persone ogni 20 minuti. La prenotazione è fortemente consigliata.

Museo di Casa Romei

Casa Romei rimarrà chiusa al pubblico fino a data da destinarsi.

Museo di Palazzo Schifanoia

Palazzo Schifanoia ha riaperto in tutto il suo splendore. Dell’antica delizia estense sono visitabili le tre stanze principali: il Salone dei Mesi (con una nuova ed appositamente studiata illuminazione), la Sala delle Virtù e la Sala delle Imprese, ovvero gli appartamenti di Borso d’Este.

Museo di Paleontologia e Preistoria “Piero Leonardi”

CHIUSO PER LAVORI DI RESTAURO. L'origine del Museo di Paleontologia e Preistoria “Piero Leonardi” dell'Università degli Studi di Ferrara risale al 1964, anno in cui l'allora Istituto di Geologia e Mineralogia si trasferì nel Palazzo Turchi di Bagno, sede attuale del Museo

Museo di Storia Naturale

Edificio progettato da Carlo Savonuzzi negli anni '30, dove è evidente la matrice razionalista.

Museo di Storia Naturale

Il Museo di Storia Naturale rimarrà chiuso al pubblico fino a data da destinarsi. Nell'ambito della campagna #LACULTURANONSIFERMA scopri i contenuti online.

Museo Giovanni Boldini

TEMPORANEAMENTE CHIUSO PER LAVORI DI RESTAURO.

Museo Palazzina Marfisa d'Este

A seguito del nuovo decreto del Governo DPCM del 1° aprile 2020, la palazzina Marfisa rimarrà chiusa al pubblico fino a data da destinarsi

Museo Riminaldi

Il Palazzo Bonacossi rimarrà chiuso al pubblico fino a data da destinarsi.

Oratorio dell'Annunziata

Custodisce i pregevoli affreschi di artisti ferraresi del '500 con le storie della Santa Croce.

Palazzina Marfisa d'Este

La palazzina Marfisa d'Este è aperta al pubblico. L'ingresso al museo è contingentato ed è consentito ad un massimo di 5 persone ogni 15 minuti. La prenotazione è fortemente consigliata.

Palazzo Bonacossi

Palazzo Bonacossi rimarrà chiuso al pubblico fino a data da destinarsi

Palazzo Costabili

Il Museo Archeologico riapre al pubblico martedì 14 luglio 2020.

Palazzo dei Diamanti

I “Diamanti” tornano ora a splendere per tutti quelli che giungono a Ferrara da ogni parte del mondo per ammirare il capolavoro architettonico progettato da Biagio Rossetti.

Palazzo dell'Aeronautica

Sorto inizialmente come Istituto Medico-Legale dell’Aeronautica, fu costruito tra il 1935 ed il 1937 su disegno dell’ing. Giorgio Gandini (Ferrara 1893-1963), mentre i lavori furono diretti da Carlo Savonuzzi. Il palazzo viene definito uno dei capolavori del Novecento ferrarese, quasi un’esplosione del razionalismo locale nell’architettura.

Palazzo delle poste

Fu costruito dal 1927 al 1929 su disegno di Angiolo Mazzoni, ingegnere bolognese laureatosi a Roma nel 1919, autore nel corso del Ventennio per conto dello Stato ed in particolare del Ministero delle Telecomunicazioni, di cui era funzionario, di varie stazioni ferroviarie ed uffici postali in diverse città italiane

Palazzo di Renata di Francia

Il palazzo deve il suo nome alla moglie del duca Ercole II, Renata, figlia del re francese Luigi XII. La principessa, di fede cattolica al momento del matrimonio con Ercole, nel corso della sua permanenza a Ferrara dette adito a pesanti sospetti di simpatizzare per il calvinismo.

Palazzo Massari

TEMPORANEAMENTE CHIUSO PER RESTAURI.

Palazzo Municipale

La costruzione del Palazzo Municipale, antico Palazzo Ducale, iniziò nel 1245 e venne poi progressivamente ingrandito verso nord, fino a raggiungere le attuali dimensioni alla fine del Quattrocento. Fu residenza degli Estensi fino al XVI secolo.

Chiudi menu
Informazioni turistiche