Sezioni
Sfondo delle briciole di pane

Da non perdere

Meta di pellegrinaggi, la chiesa fu inaugurata nel 1666, vicino ad un olmo secolare, dove era apposta una piccola immagine in gesso della Vergine a cui erano attribuiti poteri miracolosi.

Oratorio della Beata Vergine dell'Olmo

Meta di pellegrinaggi, la chiesa fu inaugurata nel 1666, vicino ad un olmo secolare, dove era apposta una piccola immagine in gesso della Vergine a cui erano attribuiti poteri miracolosi.

I percorsi ciclabili intorno a Portomaggiore: roadbooks, mappe e suggerimenti.

11- Altr'essenza

I percorsi ciclabili intorno a Portomaggiore: roadbooks, mappe e suggerimenti.

Il museo presenta l'eccezionale ritrovamento archeologico avvenuto nell'autunno del 2002 nella tenuta di S. Caterina, a fianco alla Delizia Estense del Verginese.

Museo Archeologico: Il Sepolcreto dei Fadieni

Il museo presenta l'eccezionale ritrovamento archeologico avvenuto nell'autunno del 2002 nella tenuta di S. Caterina, a fianco alla Delizia Estense del Verginese.

L'Oasi di Porto, bacino della Smaltara in località Trava, è un antico sito sul sistema deltizio del fiume Po a ridosso della Valle del Mezzano.

Oasi di Porto Trava

L'Oasi di Porto, bacino della Smaltara in località Trava, è un antico sito sul sistema deltizio del fiume Po a ridosso della Valle del Mezzano.

Zona umida protetta di 52 ettari, costituisce un lembo residuo delle grandi valli del Mezzano. Grazie ad interventi di miglioramento ambientale l'area ha acquisito un notevole rilievo naturalistico

Anse vallive di Porto - Bacino di Bando

Zona umida protetta di 52 ettari, costituisce un lembo residuo delle grandi valli del Mezzano. Grazie ad interventi di miglioramento ambientale l'area ha acquisito un notevole rilievo naturalistico

Originariamente casale di campagna, il Verginese fu trasformato in residenza ducale nel primo Cinquecento da Alfonso I d’Este e donato a Laura Eustochia Dianti.

Delizia Estense del Verginese

Originariamente casale di campagna, il Verginese fu trasformato in residenza ducale nel primo Cinquecento da Alfonso I d’Este e donato a Laura Eustochia Dianti.

ultima modifica 10/04/2012 10:47
Chiudi menu
Informazioni turistiche