Sezioni

Vincenzo Monti

Scrittore

Nacque ad Alfonsine, in territorio ravennate e iniziò i suoi studi nel seminario di Faenza. Nel 1771 si trasferì a Ferrara per frequentare i corsi di legge e medicina dell'Università.
Vincenzo Monti

Vincenzo Monti (1754-1828). Poeta, drammaturgo e scrittore italiano.
I sette anni trascorsi in città furono d’importanza fondamentale nella sua formazione: i suoi orizzonti si aprirono a nuovi spazi culturali, sia scientifici che letterari. Con il passare del tempo l’attività poetica divenne predominante nella sua attività pubblica e privata ed egli cominciò a comporre versi ‘d'occasione’, scritti cioè per feste o ricorrenze, com'era costume nel '700. Al padre espresse la propria insoddisfazione per gli studi che gli venivano imposti: ‘Io proseguo il mio studio della medicina, ma non posso dimenticarmi quello delle belle lettere’.  
A Ferrara subì l’influenza del Varano, cui molto si ispirò nello stile, e del Minzoni, acquisendo in breve una tale maestria da consentirgli, nel 1775, di entrare a far parte dell’Arcadia. Sempre a Ferrara, pubblicò nel 1776 il suo primo libro di versi, la Visione di Ezechiello.
Negli anni che seguirono egli divenne il letterato che rappresentò in maniera più compiuta il Neoclassicismo italiano e, nello stesso tempo, il disorientamento ideale e culturale di un’età di transizione e di crisi. Pur risiedendo in molti altri luoghi, i legami con Ferrara non finirono mai, poiché nella casa di famiglia posta di fronte all’Università venne a vivere il fratello, e vi risiedette la figlia Costanza, che in città aveva studiato e qui morì.

Luoghi dell'autore

Ferrara - Casa Monti, via delle Scienze 20
Posta di fronte all’ex università, è segnalata da una lapide.

Ferrara - Ex Collegio di Sant’Orsola, via Cosmè Tura 29
Vi studiò Costanza, la figlia del poeta.

ultima modifica 13/10/2015 10:57
Chiudi menu
Informazioni turistiche