Sezioni

Giovanni Boldini

Pittore

Giovanni Boldini (1842 - 1931), dopo aver ricevuto i primi insegnamenti artistici dal padre Antonio, pittore e restauratore, lasciò Ferrara nel 1862 per studiare a Firenze, dove ebbe modo di frequentare l’ambiente culturale del caffè Michelangelo, noto ritrovo dei Macchiaioli.
Giovanni Boldini

Nel 1867 Boldini si recò a Parigi e quindi a Londra dove conobbe l’opera di Courbet e incontrò Manet, Degas e Sisley. Nel 1871 si stabilì a Parigi che divenne la sua seconda patria per sessant’anni e dove si affermò come uno dei maggiori ritrattisti del suo tempo. Nella capitale francese Boldini raggiunse grande fama e fortuna e condusse una vita mondana che diventò spesso soggetto delle sue opere: il teatro e i cavalli, le folle in movimento nella grande città, i ritratti di signore e gentiluomini dell’alta borghesia immortalati con pennellate veloci a rappresentare in modo dinamico l’attimo fuggente. Egli creò un ideale femminile, al quale le sue numerose clienti furono felici di adeguarsi, producendo immagini di raffinatissima e sensuale bellezza. La sua fama di ritrattista della Belle Epoque ha per un certo tempo offuscato la creatività geniale di questo artista, alla quale la critica più recente ha saputo nuovamente rendere merito cogliendo nella sua opera una complessità di aspetti autentici e sentimenti profondi che appartengono ai contenuti artistici più moderni.
E' sepolto nella Certosa di Ferrara.

Le più importanti opere della collezione delle Gallerie d'Arte Moderna e Contemporanea:

- Fuoco d’artificio;
- Il ritratto del piccolo Subercaseuse;
- La contessa de Leusse;
- La passeggiata al Bois de Boulogne
;
- La signora in rosa.

Luoghi dell'autore

Ferrara - Casa Boldini, via Savonarola 10
Bell’edifico ora di proprietà privata a modesta casa, di proprietà privata, dove il pittore venne alla luce e trascorse la prima giovinezza.

Ferrara - Cimitero Monumentale della Certosa
Nel grande cimitero si trova ancora la tomba originale del pittore, in un magniloquente stile modernista; le spoglie dell’artista sono state spostate nei chiostri nuovi, all’interno di un sarcofago moderno appositamente disegnato.

Ferrara - Palazzo Massari, corso Porta Mare 9 ----- TEMPORANEAMENTE CHIUSO
Ospita il Museo Giovanni Boldini e dell’Ottocento, dove si conservano moltissimi suoi dipinti, studi e disegni, oltre che oggetti personali.

Esposizione in Castello Estense dal 31 gennaio 2015 "L'arte per l'arte"

ultima modifica 17/01/2015 06:56
Chiudi menu
Informazioni turistiche