Sezioni

Argenta

Argenta è uno dei maggiori centri del ferrarese. Oggi ha un impianto moderno che conserva significative testimonianze del suo passato.
argenta.JPG


La sua storia ce la raccontano gli antichi documenti, i monumenti rimasti, i reperti archeologici, ma anche le sue acque, le sue valli e le sue bonifiche attraverso l'Ecomuseo che, con le Valli di Campotto, mette in luce le più significative testimonianze storiche, urbanistiche, architettoniche, economiche e sociali del territorio. La fondazione di Argenta può farsi risalire ad epoca romana o di poco posteriore, il suo nome sembra derivare dai riflessi argentei delle terre argillose, umide e delle acque vallive che anticamente la circondavano. Il primitivo insediamento urbano si trovava sulla destra dell'antico corso del Primaro e fin dalle origini la città fu legata alla potente Diocesi di Ravenna. Fu attorno al X-XI secolo che conobbe le sue migliori fortune, legate proprio al porto fluviale sul Po di Primaro, motivo per cui gli Estensi premettero per acquisirne il controllo.
Argenta visse un periodo di decadenza attorno al XVII secolo; rivivendo nuove passioni tra la Prima e la Seconda Guerra Mondiale, dopo le quali ha conosciuto un forte sviluppo.

ultima modifica 05/04/2016 05:25
Da non perdere ad Argenta

Museo della Bonifica e Impianto di Saiarino

Il Museo della Bonifica è collocato nell'omonimo impianto idrovoro: non solo un museo di documentazione storica, ma un vero e proprio cantiere di lavoro.

Itinerari naturalistici

Scoprire l'Oasi di Campotto e l'Ecomuseo di Argenta

Un itinerario per esplorare la Stazione 6 del Parco Regionale del Delta del Po, un'area fra le più affascinanti del parco...

Ecomuseo di Argenta - Parco Delta del Po

Il sistema ecomuseale di Argenta si articola in tre stazioni museali: il Museo delle Valli di Argenta, il Museo della Bonifica e il Museo Civico.

Scopri tutto il territorio
Chiudi menu
Informazioni turistiche