Sezioni

Museo della Civiltà Contadina

Un museo che racconta una storia e una cultura quasi dimenticate: colture e lavorazioni, oggetti, attrezzi, nomi in dialetto, canti popolari, storie e leggende, persone attorno al paese di Mirabello.
La camera da letto
Museo della Civiltà Contadina

La campagna che si estende attorno a Mirabello non presenta, a chi la guardi con occhio superficiale, alcuna caratteristica che la differenzi dalle altre terre della bassa padana. Si direbbe che questo paesaggio si sia sempre presentato come appare oggi: un’ordinata scacchiera di poderi, un succedersi di case isolate, di cascinali, di borgate tranquille.
Per primi, negli anni ’80, Carlo Bione, Franco Rinaldi, e Ermanno Carletti analizzarono con pazienza i documenti negli archivi; interrogarono quanti ancora ricordavano nozioni utili, rintracciarono gli oggetti, le espressioni idiomatiche, prove capaci di tramandarci una storia e una cultura oggi quasi dimenticate.
Trent’anni più tardi, è stato ideato questo Museo, dedicato a Rodolfo e Luigi Sessa, due milanesi che hanno amato questa terra e ad essa hanno dedicato una larga parte della loro attività. Il museo è stato inaugurato nel maggio del 2011. Ben lontano dall’essere finito, chiede l'aiuto della gente che abita questo territorio, mettendo a disposizione oggetti che potrebbero essere aggiunti all’esposizione, ma soprattutto la propria memoria: fornendo i nomi (in dialèt) degli oggetti esposti e la descrizione del loro uso, riferendo leggende, canti popolari, filastrocche, scioglilingua, memorie di eventi e quei racconti che si tramandavano nelle veglie nelle stalle.  Scopo del Museo è, infatti, quello di raccogliere e conservare storia e memoria della civiltà degli uomini e delle donne che hanno plasmato questo territorio.

Orari

Le visite al  Museo sono possibili, previa prenotazione, dal 5 Aprile al 31 Ottobre. Le visite sono possibili solo il venerdì pomeriggio, il sabato (tutto) e la domenica mattina, previa prenotazione.
Le visite delle Scuole deveno essere analogamente fissate. Data la particolare conformazione del Museo, i ragazzi possono accedere solo in gruppi di non più otto persone accompagnate da una nostra guida o un insegnante.

ultima modifica 12/10/2015 11:41
Chiudi menu
Informazioni turistiche